Effetto Brexit (parte 2): stordimento e confusione post referendum.

(di Biagio Mannino – Giornalista  – iscritto all’ODG FVG – esperto di politica internazionale e analisi della comunicazione).
A pochi giorni dal referendum lo sconcerto non riguarda più il risultato quanto la reazione allo stesso.
Mentre la UE sembra determinata a prendere atto della volontà espressa dagli elettori britannici, la componente dirigenziale del Regno Unito non ha espresso alcun piano ed emerge una sostanziale confusione e impreparazione ad affrontare il risultato.
L’impressione è quella di una sostanziale sorpresa non solo da parte di chi non era favorevole all’uscita dall’Unione Europea ma anche da parte di chi quell’uscita la desiderava.
Ebbene la realizzazione di quel desiderio ha sconvolto anche i vincitori che adesso sono storditi dagli eventi e dalle conseguenze.
Per incominciare… l’uscita dalla UE potrebbe comportare una sorta di implosione del Regno poiché la Scozia, a questo punto, vista la sua propensione a rimanere nell’Unione, esige un altro referendum.
Ma questo referendum riguarderebbe un eventuale distacco e separazione per poi riavviare le pratiche chiedendo di entrare in… Europa!
Uno scenario alquanto originale poiché qualcuno è arrivato a dire che anche Londra, visti i suoi quasi dieci milioni di abitanti e visto il risultato di rimanere nella UE espresso dalla stragrande maggioranza dei suoi abitanti, dovrebbe divenire una sorta di città Stato per poi entrare di nuovo nella… UE.
Nel frattempo tre milioni di persone hanno firmato, in due giorni, affinché il referendum sia fatto nuovamente. Ipotesi questa estremamente difficile da attuarsi ma che evidenzia come, da parte del popolo britannico, vi sia una presa di coscienza che quel voto produrrà effetti indesiderati.
Se a favore dell’uscita si è espressa la maggioranza degli over 65 anni, per “rimanere” sono stati i giovani a prevalere. Si apre così un conflitto generazionale dove gli anziani, più legati al passato e meno interessati alle prospettive si scontrano con i giovani dalle esigenze completamente differenti.
Il fatto è che la Gran Bretagna diverrà un paese extra comunitario in un contesto globale che richiede unione e non separazione.
Oltre alla perdita di valore della sterlina, del calo di tutte le borse mondiali, all’orizzonte si intravede il trasferimento delle sedi di molte società proprio in Europa.
Ma gli effetti colpiscono anche la quotidianità delle persone, di tutti coloro che, stranieri, lavorano sull’isola ormai fuori dalla UE e per tutti quegli che, cittadini britannici, si trovano stranieri in Europa.
Vero è che quel desiderio di una mitizzata grandezza, più legata alla storia che alla realtà, rischi di trasformare il Regno Unito in uno strano fenomeno di nuova balcanizzazione strutturale e sociale, sì pacifica, ma pur sempre con una divisione che non può portare ad un effettivo benessere.
Il contesto globale, come detto, non dà spazio ai “piccoli”.
E’ altrettanto vero che, in questo momento storico, paradossalmente, il desiderio va nella direzione separatista.
Ma è, a sua volta, espressione di un malessere sociale.
E’ una grande e grave responsabilità quella che si prendono quei politici che invogliano ad uscire dall’Europa. Una responsabilità che può produrre effetti imprevisti così come stiamo assistendo in questi giorni.
Sono solo gli inizi di quella che appare sempre di più come una scelta portata dalla superficialità e dalle promesse di una politica che appare sempre di più confusa e inconsapevole.
Forse un esempio su cui meditare?
Nota: l’immaginee di questo post è tratta da www. wikipedia. it.

Effetto Brexit: Europa addio?

(di Biagio Mannino – Giornalista  – iscritto all’ODG FVG – esperto di politica internazionale e analisi della comunicazione).
Effetto Brexit: crollo delle borse in tutto il mondo, calo del valore della sterlina, corsa ai beni rifugio, forti incertezza sulla tenuta della precaria situazione economica e finanziaria europea, gioia degli euro scettici e di tutti coloro che vedono nell’Europa, quella Unita, una limitazione.
Sì, una limitazione ma… per chi?
Se analizziamo il percorso che ci ha condotto alla costituzione dell’Unione Europea, vediamo come sia l’intera storia del ‘900 a rappresentare la causa che ha portato gli Stati Europei ad unirsi e, di conseguenza, a intraprendere un percorso di altrettanta unificazione dei popoli europei.
No alla mostruosità delle due guerre mondiali! Sì alla ricostruzione del continente Europa in nome della pace e della fratellanza dei popoli.
Principi questi che erano talmente elevati da sembrare utopistici ma che effettivamente hanno portato a quello che molti hanno visto come la realizzazione di un sogno.
L’Unione Europea, oggi più che mai, rappresenta il superamento delle contrapposizioni che, da sempre, hanno caratterizzato queste terre, dove la volontà di creare un popolo unico rappresenta la via di un’effettiva comunione di principi ed anche di… interessi.
Infatti non c’è armonia se non c’è benessere, benessere  economico.
Qui si pone il problema: il percorso di unificazione non può che passare da una visione comune dell’insieme dove solo attraverso una programmazione di sviluppo dell’intera area dell’Unione, diviene possibile il conseguimento di un benessere generale.
Ma se si punta a creare un popolo unico e si mantengono i Governi divisi diviene inevitabile la confusione proprio degli interessi che da generali divengono particolari.
Se poi a questo uniamo una crisi economica e finanziaria come quella iniziata nel 2008, è facile intuire che le implicazioni, rappresentate dalla formazione dei populismi, siano una conseguenza inevitabile.
L’Unione Europea diviene allora il capro espiatorio di colpe che trovano casa altrove e i popoli, mortificati dai sacrifici, seguono l’onda.
La Brexit è il risultato di questo: una errata visione d’insieme dei Governi, un malessere dei popoli.
Come capita spesso le difficoltà divengono opportunità se da esse si sanno cogliere le occasioni e, in questo caso, l’occasione è quella di creare il vero punto di insieme.
Un percorso difficile, dove ora più che mai gli euro scettici coglieranno questo
preoccupante risultato per altre iniziative referendarie o nella speranza di intraprendere percorsi di separazione.
I Governi tenteranno di mantenere i pezzi al loro posto ma se l’interesse non diviene generale allora le fratture si moltiplicheranno.
Molti si chiedono se, su aspetti di così grande delicatezza, sia opportuno il coinvolgimento dei popoli.
E’ difficile dare una risposta. La democrazia è impostata sulla partecipazione popolare. E’ altrettanto vero che i due binari che fondano l’Unione Europea, quello dei popoli e quello dei Governi, viaggiano paralleli e, di conseguenza, destinati a non incontrarsi mai.
Il voto popolare, così,  risulta stonato in un contesto burocratico lontano e incomprensibile..
Solo un reale collegamento tra popoli e Governi può dare un vero senso democratico al tutto ma, per raggiungere l’effettiva partecipazione e decisione popolare, occorre una necessaria limitazione delle sovranità degli Stati membri a favore di uno Stato centrale europeo.
Una strada, questa, che al momento sembra improponibile.
Nota: l’immagine in questo post è stata tratta da www. Wikipedia. it.