26 maggio 2019: Europa contro Europa.

Cattura(di Biagio Mannino)

Nell’anno in cui si celebra il trentesimo anniversario del crollo del Muro di Berlino, le elezioni europee del 26 maggio sembrano assumere, oltre ad un valore, anche un significato ulteriore.
Trenta anni fa si concludeva un percorso che trovava in quell’attentato all’Arciduca Francesco Ferdinando d’Asburgo, a Sarajevo, il 28 giugno 1914, l’inizio della fine dell’Europa.
Il 9 novembre 1989, con quel crollo materiale del Muro, crollava anche l’elemento simbolico della divisione e della debolezza dell’Europa del XX secolo.
In quel momento storico tutti, chi più, chi meno, avvertivano non solo la possibilità, ma anche la necessità, di intraprendere un percorso che portasse alla realizzazione di un sogno lontano 70 anni, quello di coloro i quali avevano visto il disastro manicheistico della Grande Guerra, quello di un’Europa unita che garantisse, prima di tutto, la pace.
Le condizioni e le situazioni cambiano e, a quella pur nobile intenzione ma sempre utopistica nella sua attuazione, subentrava la più pragmatica necessità di creare l’effettiva realtà, complessa nelle sue manifestazioni politiche, ampia, numericamente importante nei risultati, economicamente e finanziariamente forte nelle implicazioni concrete, tali da sapersi, e necessariamente doversi, inserire nel nuovo gioco della politica internazionale.
Sì, quella politica dove gli USA sono più che mai fortemente unilateralisti, dove si fa spazio il concetto di guerra preventiva,, dove la Russia, erede dell’URSS, è alla ricerca di una perestrojka tanto utile quanto necessaria ma molto confusa, non alla Gorbacev ma alla Eltsin, dove la Cina incomincia a muoversi ma già lasciando capire il suo destino da protagonista vera.
Quelle ormai vecchie Comunità Europee lasciano il passo alla nuova e promettente Unione Europea che, però per essere effettiva, necessitava e necessita delle limitazioni di sovranità degli Stati membri.
Inizia il conflitto tra due modi di interpretare la UE e il dubbio, inevitabilmente si pone: UE dei popoli o UE dei Governi? UE con una progettualità veramente comune e di insieme o con una evidente propensione agli interessi dei singoli Stati membri?
La debolezza emerge in politica estera, più volte, a partire dal 1999 con la crisi serba, la strategia non è all’altezza di una realtà di questo tipo, e di fronte alle sfide che mettono alla prova tutti e non i singoli, si mostra lontana dal concetto “unita”, come nel caso della gestione dei flussi migratori.
E qui tutto cambia e l’Europa degli europei si trasforma o torna, o si mostra, Europa dei piccoli e dei microscopici.
Lo scontro diventa inevitabile, là dove le pluralità di politiche interne fanno l’uso strumentale della UE, per problematiche elettorali proprie, trovando nell’elemento migratorio il capro espiatorio della mancanza di una visione di una politica comune europea, sempre possibile ma di fatto irealizzabile.
Mai come in questa occasione le elezioni europee assumono un valore fondamentale per dimostrare che l’Europa degli europei c’è o che, al contrario, quella degli interessi particolari è pronta a subentrare nuovamente dopo aver dimenticato il significato del crollo di quel Muro, quello del 1989.
Ma, in questo caso, pragmaticamente analizzando, c’è la farà un’ipotetica Europa dei piccoli a sopravvivere tra Russia, Usa e… Cina o si prospetterà l’ennesimo atto di autolesionismo in salsa vecchio mondo?

spot

NOTA: l’articolo e l’immagine in questo post sono tratti dalla rivista Uni3Triestenews del 1 maggio 2019.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...